Diario di viaggio

MARINA

6 novembre 2012

 

carissimo Vincenzo Grazie!! Il testo bellissimo, rileggerlo ora grandioso. Mi venuto da ripensare a voi: gi da quando siete venuti a Genova a casa mia mi son resa conto che fra noi stava capitando un’altra cosa rispetto al prevedibile. Tu hai un’agenzia, noi eravamo gi iscritti…perch venire fin da noi? Ecco questa gratuit mi ha colpito moltissimo, ho capito fin da subito che voi eravate ben pi di un’agenzia, ecco ripensandoci ora credo proprio che lavoriate per salvare ilo mondo, che noi siamo stati insieme per questo. E si capisce bene per la letizia che mi sono portata a casa, tutto diverso con Lui presente, come diceva Don Eugenio al pescatore.

Sono partita con una domanda apertissima: vado a vedere, ma io gi vedo a casa, allora perch vado? e pian piano seguendo ho intuito: l ho capito di pi chi sono io, la cosa straordinaria che mi successa incontrando la nostra storia quasi 40 anni fa (ero in seconda media…) e poi nell’abbraccio di oggi. Tutto gratis (e non da poco se ripenso che qs viaggio me lo hanno regalato gli amici!!!), una vertigine come di fronte alla casa di Nazaret. E poi ho veramente toccato con mano, messo i passi nei Suoi, guardato dove e come guardava LUi, insomma son tornata molto pi affezionata proprio a Ges!!E lo sto dicendo a tutti, mentre racconto questo viaggio incredibile.

Grazie grazie grazie a te, ad Alice e a Sara che son state bravissime, sempre sul pezzo, ma senza ansie, anche loro in corsa per afferrarLo.

L’idea di rivedersi prima di Natale bellissima. Don Eugenio (e ce lo immaginavamo, ma stato continuamente di pi) stato per me una vera guida, che mi ha aiutato a guardare meglio tutto, facendomi sentire a casa da subito, al mio posto, perch andavo bene cos, cos desiderosa di vedere, con tutto quello che sono. Ogni attimo stato prezioso e non me lo porta pi via nessuno.

Ti abbraccio, un bacio ad Alice e Sara.

a presto ciao Marina

< VEDI TUTTI