perchè auryn

w

“AURYN ti dà il grande potere” esclamò in tono solenne, “ma tu non lo devi usare. Perché anche l’infanta Imperatrice non fa mai uso del suo potere. AURYN ti proteggerà e ti guiderà, ma tu non dovrai mai attaccare, qualunque cosa tu debba vedere, poiché da questo momento la tua opinione non conta più. Perciò devi partire senza armi. Devi lasciare che accada tutto ciò che deve accadere. Tu devi soltanto cercare e domandare, ma mai sentenziare secondo il tuo giudizio. Non dimenticartelo mai, Atreiu!”

(tratto da La Storia Infinita – Michael Ende)

L’AURYN, detto anche Pantakel, il Gioiello o lo Splendore, è un amuleto descritto nel romanzo «La Storia Infinita» di Michael Ende. È costituito da due serpenti, e ciascuno morde la coda dell’altro formando un cerchio. L’AURYN compare nel capitolo II (La chiamata di Atreiu), portato dal centauro Cairone come dono dell’Infanta Imperatrice al grande guerriero Atreiu del popolo dei Pelleverde. L’oggetto, sacro e magico, è infatti l’unico in grado di proteggere chi lo indossa, guidandolo inoltre nella Grande Ricerca, vero scopo della Storia Umana. Pur essendo analfabeta (e ignorando quindi il significato della scritta sul retro dell’amuleto, «Fa’ ciò che vuoi» , inteso come «Compi la tua vera volontà»), Atreiu ne mette comunque in pratica lo spirito. In tutta la prima parte del libro è lui a portare AURYN e solo così riesce a sfuggire, ad esempio, alle Paludi della Tristezza e a Ygramul; perché il vero Male è il Nulla.

La nostra Agenzia di Viaggio ha tratto ispirazione dal simbolo dell’AURYN, proprio in virtù di quel desiderio di «Grande Ricerca» e per quella lotta caparbia contro il Nulla, vero nemico dell’Uomo.

In questo contesto , il viaggio non resta fine a se stesso ma diventa continuamente occasione di ricerca, compagnia e nuova consapevolezza.